Cos’è la fideiussione a prima richiesta?

Cos'è la fideiussione a prima richiesta

Cos’è la fideiussione a prima richiesta?

La fideiussione a prima richiesta è una tipologia di contratto in cui l’ente che emette la fideiussione (assicurazione o banca), s’impegna a garantire e, quindi, a coprire in prima persona un determinato importo di denaro nel caso in cui il soggetto debitore risulti inadempiente nei confronti del creditore.

 

Quando viene utilizzata la fideiussione a prima richiesta? E’ un contratto spesso utilizzato nelle stipule di contratti di appalto oppure prima delle stipule di contratti di forniture.

 

Cos'è la fideiussione a prima richiesta

La fideiussione a prima richiesta  è accessoria in quanto viene stipulata in concomitanza con la stipula di un contratto. La caratteristica di questa fideiussione prevede che il pagamento avvenga a prima richiesta, cioè in seguito alla comunicazione da parte del creditore di inadempimento dell’impegno assunto dalla controparte (il debitore), senza che quest’ultimo possa opporre alcuna eccezione in merito alla validità del contratto stipulato.

La fideiussione a prima richiesta risulta molto vantaggiosa per il beneficiario della polizza fideiussoria in quanto costituisce una sorta di deposito cauzionale immediatamente disponibile in caso di inadempimento del soggetto debitore. Il risarcimento diventa quindi molto rapido.

Dal punto di vista normativo, a differenza della fidejussione, la garanzia a prima richiesta rientra nei cosiddetti “contratti atipici”, quei contratti che pur non essendo previsti e disciplinati dalla legge sono ammessi purché leciti e diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela (art. 1322 cod. civ.).

 

Se ti servono maggiori informazioni riguardo la fideiussione a prima richiesta contattaci subito:

 

Nome e cognome*
E-mail:*
Telefono:*
Tipologia di Fideiussione
Richiesta:*
Disclaimer*

* Indica campi obbligatori

Leggi l’informativa sulla privacy per l’autorizzazione al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.lgs 196 del 30 giugno 2003